AVOCADO: ECCO PERCHÈ MANGIARLO NON È SOSTENIBILE

da

Oggi viviamo in una società globalizzata in cui possiamo avere gli Avocado 12 mesi l’anno. Un frutto dalle proprietà fantastiche a nostra completa disposizione. Ma allora, perché mangiare Avocado non è sostenibile?

Quando mi sono avvicinata alla cucina 100% vegetale la mia curiosità innata mi ha portato a sperimentare alcuni dei piatti più assurdi. Mi capitava spesso di andare alla ricerca delle ricette più stravaganti nei libri di cucina e soprattutto sui vari siti internet.

Ho notato come l’utilizzo dell’Avocado con il tempo prendesse piede e venisse utilizzato sempre di più. In particolare nella cucina vegana. Oggi è diventata quasi una vera e propria “moda” consumare Avocado.

Ecco perché non compro più Avocado

Si mangia Avocado a colazione, a pranzo, a cena, si utilizza per fare i dolci, ricette salate, bevande, qualunque cosa. Inoltre, grazie alle sue tante proprietà, l’Avocado viene considerato un superfood.

Questa connotazione lo rende un frutto davvero prelibato e ancora più ricercato. Mangiavo spesso Avocado e lo utilizzavo volentieri per preparare diversi piatti. Amo il suo sapore delicato e la sua consistenza cremosa. Tuttavia, io lo preferisco nelle preparazioni salate piuttosto che in quelle dolci.

Ho smesso di acquistare Avocado ad occhi chiusi ed ho iniziato a fare attenzione a ciò che compro. Ho iniziato ad interessarmi alla provenienza dei prodotti che scelgo.

Questo, soprattutto dopo aver scoperto diverse notizie ed aver ricevuto informazioni che mi hanno lasciata letteralmente senza parole. Inconsapevolmente, insieme ad altri milioni di persone, utilizzavo il mio potere di acquisto nel modo più sbagliato!

Senza rendermene conto incoraggiavo un sistema corrotto, violento e soprattutto che nega alcuni dei diritti fondamentali dell’uomo!

LEGGI ANCHE >>>> MINIMALISMO COME ANTIDOTO AL CONSUMISMO

Perché mangiare Avocado non è sostenibile

Si stima che ogni anno vengano consumati circa 5 milioni di tonnellate di Avocado in tutto il mondo. Un frutto davvero magnifico che è diventato una vera potenza economica.

Il motore di un’industria messicana all’avanguardia che vale più di 2,5 miliardi di dollari l’anno. I profitti generati da questo meraviglioso frutto però, sono tanto una benedizione quanto una maledizione per i coltivatori.

L’Avocado è certamente una fonte di guadagno non indifferente ma, anche una vera e propria calamita per estorsioni, omicidi ed oppressione. Lo chiamano Oro Verde e le persone farebbero davvero di tutto per metterci le mani sopra, ad ogni costo.

Oltre a generare violenza, in luoghi come il Cile, l’Avocado prospera ma al tempo stesso prosciuga le già scarse risorse idriche del Paese

Nel Cile centrale la siccità si è diffusa da alcuni anni e, purtroppo, questo contribuisce ad un situazione di estremo disagio per la popolazione.

Tuttavia, non è stata la siccità a privare i villaggi cileni dell’acqua. Ne sono rimasti sprovvisti principalmente a causa di una enorme follia alimentare mondiale di cui si è perso totalmente il controllo.

Il boom dell’Avocado

Questo frutto è così importante per l’agricoltura del Cile da avere la priorità perfino sulle vite degli stessi cileni. L’Avocado si è rivelato così redditizio da diventare una calamita per la violenza e la corruzione che prosperano nello spietato crimine organizzato messicano.

Tutto ciò rende la vita dei piccoli coltivatori davvero difficile. Vivono con la paura costante di poter essere rapiti, derubati, attaccati e tutto a causa del commercio di un frutto. Vengono continuamente minacciati e costretti ad abbandonare le loro coltivazioni.

Inoltre, sono rimasti davvero pochi i terreni ancora fertili appartenenti ai piccoli imprenditori. La maggior parte delle terre sono ridotte a distese completamente aride a causa della mancanza di acqua.

Per produrre un singolo Avocado servono circa 70 litri di acqua ed ecco perché le riserve idriche sono un problema. Questo, sarà infatti il prossimo fronte nelle guerre dell’Avocado.

In una delle zone del Cile in cui si coltiva la maggiore quantità di Avocado del Paese, purtroppo, gli abitanti soffrono moltissimo. La causa si riscontra nella quasi totale mancanza di riserve idriche a disposizione dei cittadini di quella zona.

L’accesso all’acqua, in Cile, funziona in modo diverso rispetto al resto del mondo. È un uso riservato esclusivamente alla crescita dell’Avocado e non consentito a molti esseri umani

Anche la California, grazie all’ambiente favorevole, ha potuto incentrare parte della sua economia nella produzione dell’Avocado. Tuttavia, anche in questa parte del mondo attingono a riserve di acqua ormai in esaurimento.

Non è etico continuare ad acquistare Avocado da coloro che violano il diritto umano all’acqua. Oggi è del tutto deplorevole che si incoraggi tutto ciò!

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>>> MONDO SOSTENIBILE: il punto di vista di una teenager

Ognuno di noi dovrebbe essere più consapevole del potere che ha a disposizione. Nel momento in cui bisogna acquistare dei prodotti è necessario e fondamentale conoscerne la provenienza. Le nostre azioni quotidiane sono cruciali anche e soprattutto per le realtà che vediamo così distanti dalla nostra. Acquistare una cosa anziché un’altra può fare una grande differenza per la vita di qualcuno! Tutti dobbiamo cercare di fare la nostra parte. 

Come agire in modo sostenibile

Un modo per risolvere il problema senza dover necessariamente rinunciare agli Avocado esiste. Sicuramente il primo passo da compiere è iniziare a prestare attenzione alla provenienza del prodotto che si sta acquistando.

Andare alla ricerca di prodotti biologici, sostenibili ed anche il più possibile sicuri. Un esempio di azienda che agisce in modo sano può essere Sicilia Avocado, un brand siciliano attivo nella produzione di Avocado e frutta subtropicale.

Sicilia Avocado ha scommesso sullo sviluppo agricolo con un obiettivo preciso: valorizzare il territorio e promuovere l’innovazione. Si tratta di un’azienda che commercializza i suoi frutti in tutta Italia e in Europa.

Lavora sul recupero di terreni e sul rispetto dell’ambiente. Questa è una delle soluzioni che rende possibile poter acquistare il tanto desiderato Avocado direttamente da un’azienda italiana che fornisce prodotti biologici, di qualità e soprattutto sostenibili.

ALTRI ARTICOLI CHE TI POTREBBERO INTERESSARE

2 Commenti

  1. Berenice

    Sono felice di trovare qualcuno che la pensi come me.
    Depauperare il nostro territorio di acqua ,di aranceti ,limoneti e vigneti per far crescere una pianta di avocado al quale servono 70 litri di acqua per un frutto lo trovo inaccettabile.
    Grazie

    Rispondi
    • Alessandra

      Grazie a te per aver condiviso il tuo pensiero. Sono felice che il messaggio sia arrivato nel modo corretto. ☺️

      Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest